La tua non è solo fortuna, ci vuole anche un po’ di Zerocalcare!

Riflessioni sull’ottimismo

 

 

“Davide che fai allora vuoi un passaggio?”

 

Credevo fosse il solito strappo in macchina per accompagnare un collega fino a Piazza Re di Roma e invece ho fatto una scoperta fantastica! Si proprio così.
Il passeggero che mi siede accanto, che poi in ufficio mi sta difronte sulla destra, inizia a parlarmi di un fumettista di Rebibbia dal nome insolito, ma affatto banale, Zerocalcare!

Ammetto di non essere mai stata una lettrice appassionata di fumetti, sebbene ogni tanto pensando alle cose che accadono nel mondo oggi, ho la netta sensazione di vivere dentro un fumetto. Ma questa è tutta un’altra storia!

Sembrerà banale una frase del tipo “Quando di notte hai freddo e non vuoi alzarti a prendere la coperta”, ma è proprio questa l’originalità di Michele Rech, in arte Zerocalcare, con cui riesce a rappresentarsi e rappresentare la sua generazione in modo ironico.
E’ proprio dall’ironia che voglio partire. Intesa non come superficialità o mancanza di interesse bensì come atteggiamento positivo, pro attivo e risolutivo verso ciò che accade.

(dalle strisce di Zerocalcare)

Ma torniamo a Zerocalcare. A pensarci bene il calcare è qualcosa che si attacca, si incrosta e paralizza le cose fino a ossidarle e rendere inutilizzabili. Da cambiare!
Il calcare sono le cattive abitudini, i pettegolezzi fuori luogo, i feedback distruttivi, lo stress che corrode, le persone vampire. Sarà capitato a molti di trovarsi nella vita e a lavoro, faccia a faccia con una di queste tipologie di “calcare”. Che fare, subirle o reagire?

Non credo esista una ricetta univoca da seguire in questi casi. Ognuno a suo modo, nel proprio bagaglio a mano, ha le strategie migliori da mettere in atto per favorire e alimentare il benessere personale. Fra i tanti esempi che ho avuto modo di apprendere, quello che più mi è rimasto impresso e che ho deciso di fare mio per fronteggiare le situazioni Killer a lavoro e nella vita, l’ho imparato da mio nipote Francesco.
“Zia, dovresti utilizzare la tecnica della psicologia inversa”. Dopo aver letto questa frase, voi starete immaginando che Francesco sia uno studente di un livello scolastico che va dalle superiori in su, o che quanto meno abbia un grado di consapevolezza da persona adulta. Nulla di tutto questo. Francesco ha 8 anni. La curiosità verso la sua esclamazione è stata tale che non ho potuto non approfondire il suo consiglio. Per farla breve la psicologia inversa trasforma in positivo ciò che si pone come negativo. Semplice!

E’ un po’ come se non lasciassimo alle interferenze esterne il potere di condizionarci. Come se decidessimo di prendere il buono (che c’è sempre) dalle situazioni e dargli risalto in modo da coprire il lato buio. Ottimismo? Lorenzo Jovanotti, in un video Tedex presenta una carrellata di tecniche per impegnarsi a essere ottimisti e dare vitalità alle cose:

  • effetto Bruce Lee. La sensazione che ti da leggerezza e spinta
  • canzone Volare di Domenico Modugno. La carica per ripartire
  • storia di Esau e Giacobbe. Le cose possono andare in modo diverso da come sembra
  • fare un giro in bicicletta. Partire, esplorare il mondo
  • bicchiere sempre pieno. Non dimenticarselo mai
  • ho la sensazione che questa sera sarà una bella sera. Atteggiamento positivo
  • iniziare la giornata con una bella risata!

Ottimismo non vuol dire evitare il tragico ma porsi verso le cose difficili con una prospettiva diversa.
E allora da Jovanotti torniamo a Zerocalcare, che nell’ultima pagina del suo recente libro “Macerie prime”, riporta: questo libro è andato nel mondo il 14 Novembre 2017. La conclusione uscirà a Maggio 2018.
Prendo in prestito questo pensiero e voglio che il mio articolo non abbia un finale, o almeno non oggi, e pensare che per l’ottimismo, per l’ironia e per il calcare che se ne va non ci sia mai una conclusione!

Siamo quasi arrivati a Piazza Re di Roma:

 

“Davide, tu hai una frase guida?”
“Si. Vivere come se avessimo la morte sempre affianco. Ma non in chiave negativa, bensì come un’esortazione e vivere intensamente ogni momento”

Copyright 2017 cut-e Italy, ALL RIGHT RESERVED
Policy Privacy

Leave a Reply

Iscriviti alla nostra newsletter

Categories