Per capire il successo di un’azienda guarda il volto del suo CEO

“Un’immagine vale mille parole, è lo stesso anche per i visi delle persone?”

 

Con questa frase Daniel Re e Nicholas Rule aprono il loro studio, The face of success – Inferences from chief executive officers’ appearance predict company profits (*).
Quindi, è possibile presumere la personalità di un individuo, o il suo successo professionale, semplicemente guardando il suo viso? Possiamo capire che posizione lavorativa ricopre, la seniority o il livello di responsabilità?
Secondo Re e Rule tutto ciò è possibile… o almeno in parte!
 
I due autori hanno passato in rassegna molti articoli e pubblicazioni riguardo alla relazione esistente tra l’aspetto del volto e il successo professionale.
 
In uno studio del 2008 condotto da Rule & Ambady, ai partecipanti provenienti dagli Stati Uniti venne chiesto di guardare le “foto tessere” di 50 CEO presi dalla Fortune 1000, e gli venne chiesto di dare un giudizio e un punteggio, alle loro abilità di leadership semplicemente guardandone i volti. Mentre controllavano indicatori come età ed attrattività, i ricercatori misuravano la relazione tra “capacità di leadership percepita” e il fatturato dell’azienda.
 
Risultato: l’aspetto di una persona predice una capacità di leadership più alta come indicato dai profitti dell’azienda.
 
I ricercatori hanno scoperto che le cosiddette caratteristiche “mascoline” sono altamente correlate all’abilità di leadership. Ma cosa significa mascolino? A quanto pare esiste una proporzione che indica quanto un viso sia mascolino, piuttosto che infantile, ed è un indicatore associato ai livelli di testosterone negli uomini.
Tuttavia, questi risultati derivano principalmente da studi condotti su uomini caucasici degli USA; differenti etnie, o culture, hanno un forte impatto su queste percezioni.
 
Per esempio, gli Americani danno valore a potere e individualismo mentre i Giapponesi ammirano gli atteggiamenti caldi e collettivisti, e questo si riflette nella loro percezione di un tipico viso da leader. Gli Americani preferiscono visi che esprimono potere e mascolinità, mentre i Giapponesi preferiscono vedere leader che siano “caldi” e giovani.
 
Ma qual è l’impatto di questo fenomeno?
 
Re e Rule argomentano che fino al 14% della differenza di profitto tra aziende può essere “vista” nei visi dei suoi leader.
A questo punto la domanda è: la chirurgia estetica può essere un modo per avere maggior successo?
Re e Rule affermano che i processi biochimici che fanno si che qualcuno abbia l’aspetto di un leader potrebbero determinare anche la personalità giusta per diventarlo.
 
Con i moderni processi di selezione, affidarsi a solidi e scientifici strumenti di assessment è di gran lunga la scelta più smart!

 

 

(*) Rule, N. O., & Ambady, N. (2008). The face of success – Inferences from chief executive officers’ appearance predict company profits. Psychological Science, 19, 109-111
Rule, N. O., & Ambady, N. (2011). Judgments of power from college yearbook photos and later career success. Social Psychological and Personality Science, 2, 154-158.

Copyright 2017 cut-e Italy, ALL RIGHT RESERVED
Policy Privacy

Leave a Reply

Iscriviti alla nostra newsletter

Categories